Il mio amico Arnold, la serie maledetta

Compagno di innumerevoli pomeriggi, il mio Amico Arnold (semplicemente Arnold per gli amici, Diff’rent Strokes in originale) raccontava le buffe vicende multirazziali e classiste di una famiglia allargata americana.

Per onorare le ultime volontà della governante, un ricco uomo d’affari (Philip Drummond) adotta i fratelli Arnold e Willis Jackson, che si ritrovano trasportati dalla miseria di Harlem al lusso di Manhattan. La serie andò in onda dal ’78 all’86 portando una discreta fortuna ai produttori… un po’ meno agli interpreti. Ecco la lista delle sfighe presa direttamente da wikipedia:

a7a1ca30f23110067070e4512c54571e.jpgGary Coleman (Arnold): a causa di disfunzioni renali ebbe problemi di crescita al punto da non superare mai l’altezza di 1,30m. È stato in causa con i genitori per avergli arbitrariamente sottratto i proventi della sua attività di attore. Ultimamente, è rientrato nelle pagine della cronaca per essersi candidato nelle primarie di governatore della California nel Partito Repubblicano, arrivando all’ottavo posto come preferenze elettorali: a vincere fu un altro attore, Arnold Schwarzenegger.

 

 

ef952740d0b4501a7bf30b08b6983cb0.jpgTodd Bridges (Willis): dopo il termine della serie divenne tristemente famoso per gravi problemi con la giustizia (uso di stupefacenti, tentato omicidio di un commesso di droga). Oggi si dichiara riabilitato ed è tornato di prepotenza nel mondo dello spettacolo.

 

 

 

 

 

9b5d51b4e19d7b7675b381a45a3c26f5.jpgDana Plato (Kimberly Drummond ): al termine della serie (nel 1984, essendo in attesa di un bambino; riapparve solo in alcuni episodi dell’ultima stagione come guest star), il suo successo iniziò a declinare, portandola prima a scomparire dal mondo dello spettacolo e poi a ritornare con filmetti pornografici “B-rated” e apparizioni sulla rivista Playboy. Di lei si narrava che avesse fatto abuso di droga per anni. Fu arrestata e posta in libertà vigilata per aver falsificato una prescrizione di Valium. Poi, fatalmente, dopo una intervista in cui si lasciava trasparire un rientro nella popolarità, fu trovata morta nella propria abitazione, suicida, probabilmente per overdose. Era il 1999, aveva 34 anni.

E dopo questa lista di sfighe, vi lascio con un trivia: la ragazza di Willis, Charlene Dupray, è nientedimeno che Janet Jackson….

 

consolatevi con il video della sigla

Il mio amico Arnold, la serie maledettaultima modifica: 2010-05-28T13:14:32+00:00da iodissociato
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Il mio amico Arnold, la serie maledetta

  1. Ma che razza di destino hanno avuto questi ragazzi…!!
    Devo dire che mi piaceva guardare “Arnold” mi divertiva moltissimo e non ho mai saputo di questo suo problema fisico.
    Ciao

  2. vero, decisamente milf! anche se non ha pargoli, l’aria sfatta c’è tutta. m’era sfuggita ‘sta cosa!

    per il post: non ho mai guardato granchè arnold, in compenso non ho potuto non seguire le cronache degli attori negli anni. eh, hai ragione, una serie maledetta e un disegno tristissimo, specie quello di dana. quello che è finito meglio è gary coleman e ho detto tutto!chissà da che dipendono certi destini collettivi…

  3. è proprio vero che il successo ti fa girare la testa, e poi quando le luci della ribalta si spengono non sei abituato più a ritornare alla vita normale…..

    mi dispiace della fine che ha fatto Dana Plato (alias Kymberly), nei telefilm di Arnold era la classica ragazzina acqua e sapone

    secondo me non è stata brava a continuare a sostenere il successo interpretando altri bei ruoli in altri film e telefilm di successo, e si è un po’ cullata sugli allori

    Simone

I commenti sono chiusi.