Giochi senza frontiere, il programma cult degli anni settanta e ottanta

320830061.jpgGiochi senza frontiere è stato un appuntamento imperdibile nelle estati a cavallo tra gli anni settanta e ottanta.

Chi non ricorda la coppia di arbitri Guido Pancaldi e Gennaro Olivieri (più tardi sostituita da Dennis Pettiaux), il loro conto alla rovescia in francese seguito dal sibilo del fischietto, le scenografie imponenti dei giochi, il fil rouge?

Chi non ha ricordi della famiglia raccolta davanti alla televisione a tifare per oscure località turistiche della penisola come se fossero la nazionale italiana di calcio e a lasciarsi sfuggire un’imprecazione quando, per l’ennesima volta, la squadra italiana sceglie il momento peggiore per giocare il jolly?

Inutile negarlo. Senza Giochi Senza Frontiere oggi non ci sarebbe l’Europa unita 😀

Nato nel 1965, Giochi Senza Frontiere è proseguito fino al 1999, alternando diversi conduttori come: Ettore Andenna, Milly Carlucci e Claudio Lippi.

La struttura del gioco era piuttosto semplice:  una serie di squadre europee (alla prima edizione parteciparono Italia, Germania, Francia e Belgio) si scontravano in prove di abilità fisica e di destrezza, guadagnando punti a seconda del loro piazzamento. Le squadre erano composte da 8 elementi (4 uomini e 4 donne) più un allenatore e un capitano.

Le prove erano ispirate al tema della serata e ogni squadra aveva a disposizione un jolly, da giocare prima di una prova, che moltiplicava per 2 il punteggio guadagnato. Durante la serata le squadre, inoltre, partecipavano al Fil Rouge, una prova che ogni squadra affrontava da sola in momenti diversi della trasmissione e che spesso era in grado di ribaltare la classifica.

Se siete interessati ad approfondire l’argomento vi segnalo 2 siti imperdibili:

www.giochisenzafrontiere.net/ dove potete trovare foto, video e informazioni utili

www.librogiochisenzafrontiere.it/ dove è possibile acquistare il libro sui 30 anni di Giochi Senza Frontiere

 

Giochi senza frontiere, il programma cult degli anni settanta e ottantaultima modifica: 2009-02-05T11:40:26+00:00da iodissociato
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Giochi senza frontiere, il programma cult degli anni settanta e ottanta

Lascia un commento